n_verde.jpg
fax.jpg
Il tuo carrello
vuoto
 
vai al carrello

CP50 – Cilindro portatile (con piedini) diametro 50 cm.

Marca: MEDICAL ITALIA Codice: EDXACC550
Aee62b5406f846710ea8e81b2d5559f4f.jpg
clicca sulle immagini per visualizzarle nel dettaglio
cilindro-50.jpg
Listino: € 950,00+ Iva 22% (€ 1.159,00 Iva incl.)Offerta: € 882,66+ Iva 22% (€ 1.076,85 Iva incl.)

Quantità
  +   - aggiungi al carrello
 
Richiesta informazioni:
Clicca qui
 
Accedi o Registrati per aggiungere questo prodotto al tuo profilo! Potrai ritrovarlo ogni volta che vorrai senza doverlo cercare di nuovo!
StampaEsempio di RentingScarica in PDFPagamento Rateale



Acquistalo in 10 rate da € 107,70 Tan 0, Taeg 4,82
 
 
Ricambi:
Descrizione prodotto:

Cilindro portatile (con piedini) diametro 50 cm.

Cilindro portatile da 50 cm di diametro dotato di piedini per l'appoggio su superfici piane.

Dotato di brevetto esclusivo MFC che concentra le linee di forza all'interno del solenoide senza dispersioni verso l'esterno (in conformità al D. Lgs. 626).
Identificazione del polo nord per un corretto orientamento.

 

Il Brevetto MFC:

Gli apparecchi per magnetoterapia, in combinazione con i relativi applicatori, generano un campo magnetico regolabile in intensità ed in frequenza, producendo un'induzione nello spazio circostante.

Le linee di forza sono di maggiore intensità in prossimità del solenoide, con un andamento che decresce mano a mano che ci si allontana.

A contatto con il solenoide si ha la massima potenza e l'intensità prodotta all'esterno del cilindro è simile a quella interna.

 

Da quanto detto, è facile intuire che, oltre al paziente che viene collocato all'interno del solenoide, subiranno l'effetto del campo elettromagnetico tutte le persone che eventualmente si trovassero a sostare o a transitare nelle vicinanze ( si ha ancora un'intensità non trascurabile a 50-60 cm dal solenoide).

Questo fenomeno, presente su tutte le apparecchiature per magnetoterapia in commercio, porta ad una sovraesposizione non voluta ai campi elettromagnetici tutto il personale che si dovesse trovare nelle vicinanze degli applicatori e solenoidi.

Per risolvere questo grave problema, dopo lunghi studi e ricerche, ha sviluppato l'esclusivo brevetto MFC (d. n° PS2000U00044), il quale mediante l'impiego di uno speciale dispositivo, riduce drasticamente l'induzione magnetica prodotta all'esterno del solenoide concentrando le linee di forza all'interno dello stesso, interessando quindi il solo paziente e non più il personale.

 

Le misure strumentali hanno dimostrato che l'adozione del brevetto MFC porta ad una riduzione dell'inquinamento elettromagnetico ambientale, superiore all'85%.

Questo dispositivo consente di rispettare le nuove norme introdotte dal D.Lgs. 626 recante l'attuazione delle direttive riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro.

 

MAGNETOTERAPIA

APPLICAZIONI PER MAGNETOTERAPIA


FISIOLOGIA ED EFFETTI SUI TESSUTI UMANI

Le apparecchiature per magnetoterapia generano un campo magnetico a bassa frequenza (regolabile da 1 a 100 hz) e intensità fino a 100 gauss per singola uscita, che genera effetti benefici specialmente sulla rigenerazione dei tessuti e tessuti ossei.

  1. FRATTURE RECENTI E RITARDI DI CONSOLIDAZIONE
    I campi magnetici, stimolando l'attività osteogenetica a livello della rima di frattura, accelerano i tempi di consolidazione delle fratture in una percentuale altissima di casi. Il processo di guarigione delle discontinuità ossee si verifica attraverso l'induzione dell'effetto piezoelettrico nelle strutture connettivali, il miglioramento delle condizioni circolatorie locali.
  2. PSEUDOARTERIOSI
    E' stato dimostrato che i campi magnetici sono efficaci nel trattamento delle pseudoartrosi.
  3. MORBO DI SUDECK E OSTEOPOROSI
    La magnetoterapia è risultata efficace nell'80 % dei casi di morbo di sudeck e nel 70 % delle osteoporosi.
  4. ARTROPATIE DI NATURA INFIAMMATORIA E DEGENERATIVA
    Rappresentano un'indicazione al trattamento con magnetoterapia sia le artropatie di natura infiammatoria che degenerativa. risultati positivi si hanno nell'artrite reumatoide
    localizzata alle mani e alle ginocchia, nella spondilite anchilopoietica, nella gonartrosi e nell'artrosi lombare.
  5. ARTERIOPATIE OBLITERANTI
    I campi magnetici risultano efficaci nelle patologie vascolari grazie alla loro influenza sul flusso ematico e sul microcircolo.
  6. PIAGHE DA DECUBITO
    L'effetto biostimolante giustifica l'impiego della magnetoterapia in questa patologia. sono richiesti trattamenti molto lunghi.
  7. PSORIASI
    La psoriasi risponde positivamente a questa terapia nel 60% dei casi.

ALTRE APPLICAZIONI

  • Ferite cutanee/ulcere
  • Infezioni/infiammazioni
  • Spasmo muscolare/ alterazioni circolatorie
  • Artrosi, reumatismi
  • Stimolazione del sistema ormonale e linfatico